Home Itinerari Perugia e i tesori della provincia

Perugia e i tesori della provincia

Il primo itinerario proposto comprende il capoluogo della regione, PERUGIA, e le caratteristiche cittadine della provincia, tra il centro e l’est dell’Umbria.

PERUGIA - DERUTA - TORGIANO - BASTIA UMBRA - CORCIANO - SANTA MARIA DEGLI ANGELI - BETTONA - CANNARA - ASSISI - SPELLO - BEVAGNA - FOLIGNO - MONTEFALCO - GUALDO CATTANEO - COLLAZZONE - GIANO DELL’UMBRIA - CASTEL RITALDI - MASSA MARTANA - TREVI - CAMPELLO SUL CLITUNNO - SPOLETO - S. ANATOLIA DI NARCO - VALLO DI NERA - CERRETO DI SPOLETO - PRECI - NORCIA - CASCIA - VALTOPINA - NOCERA UMBRA - VALFABBRICA - GUALDO TADINO - FOSSATO DI VICO - SIGILLO - COSTACCIARO - GUBBIO



Perugia

Con i suoi resti etruschi e gli affreschi di chiese e palazzi, la città è ricca di storia, arte e cultura,  caratteristica per la sua gastronomia e per l’artigianato locale. È un importante centro multietnico e multiculturale, grazie anche alla presenza della prestigiosa Università Italiana per Stranieri. Ospita L’Umbria Jazz Festival e la Sagra Musicale Umbra, la più importante manifestazione di musica sacra.
Nel centro storico si trova l’Arco di Agusto, porta monumentale della cinta muraria, e la Porta Marzia, seconda porta monumentale etrusca, inglobata nel fronte del bastione della Rocca Paolina, antica fortezza fatta costruire da Papa Paolo III nel1540.
Procedendo tra palazzi e chiese, possiamo soffermarci sui bassorilievi di Nicola e Giovanni Pisano e gli affreschi di Perugino e Raffaello. La Galleria Nazionale dell’Umbria ospita memorabili testimonianze artistiche come le pitture di Piero della Francesca, Benozzo Gozzoli, Beato Angelico, Pinturicchio e Perugino.

 

DERUTA

Antica cittadina, famosa in tutto il mondo per le sue ceramiche, fin dal 1500. Imperdibili sono il Palazzo comunale del trecento, dove si trova la Pinacoteca in cui è possibile ammirare i dipinti di Pietro Vannucci detto il Perugino e di Niccolò di Liberatore detto l’Alunno. Il Museo Regionale della Ceramica, posto in un convento del 1800 di monaci benedettini e infine la Chiesa di S. Antonio Abate con gli affreschi di G. Bartolomeo e Bartolomeo Caporali.

 

TORGIANO

Caratteristica roccaforte medievale, è nota per i suoi vigneti da cui deriva una pregiata produzione vinicola, infatti, nel palazzo Graziani-Baglioni ha sede il Museo del Vino, voluto e realizzato da Giorgio e Maria Grazia Lungarotti nel 1974. Qui è conservata una preziosa raccolta di oggetti, manoscritti, testi a stampa e incisioni che ripercorrono, attraverso molti secoli, la storia della vite e del vino. Rimanendo in tema, si svolge, in agosto, una curiosa e divertente rassegna di pittura nella quale i pittori diluiscono i colori con vino invece di acqua.

 

BASTIA UMBRA

Oltre ad essere considerata la patria della porchetta, è un’importante cittadina medievale, è da visitare la chiesa di S. Croce del 1295 che ospita un trittico dell’Alunno del 1499. Da vedere anche la chiesa di S. Paolo (XI sec.) in stile romanico, parte del monastero benedettino in cui si riparò S. Chiara d’Assisi per sfuggire ai parenti che volevano impedirle di aderire al movimento francescano. In aprile molti visitatori esperti di arte antica, convogliano nella cittadina per una rinomata Mostra dell’Antiquariato che attrae collezionisti e intenditori importanti.

 

CORCIANO

Borgo medievale arroccato su un colle coperto di ulivi, conserva ancora intatto l’impianto originario del castello, circondato da una cinta muraria del ‘400.
Nella chiesa parrocchiale di S.Maria, si ammira la bellissima tavola dell’Assunta del Perugino (1513), la chiesa di S. Cristoforo custodisce, invece, il piccolo museo di Arte Sacra. Nei dintorni troviamo l’ex-convento di S. Agostino, il castello di Pieve del Vescovo, restaurato su progetto di G.Alessi e la necropoli etrusca di Strozzacapponi.

 

SANTA MARIA DEGLI ANGELI

La località, nei pressi di Assisi, è famosa per essere stata spesso destinazione di San Francesco D’Assisi. Nella Basilica di Santa Maria degli Angeli, un’imponente costruzione rinascimentale progettata dall’architetto Galeazzo Alessi nel 1569, sono stati inglobati due importanti luoghi d’interesse per i fedeli di tutto il mondo: la Porziuncola, cappella in cui S. Francesco  fondò l’ordine francescano nel 1226, e la Cappella del Transito, l’antica cella dell’infermeria dove il santo morì. Questi luoghi sono ancora oggi meta di importanti pellegrinaggi, soprattutto in occasione della Festa del Perdono che si svolge il 1 e il 2  agosto di ogni anno.

 
  • «
  •  Inizio 
  •  Prec. 
  •  1 
  •  2 
  •  3 
  •  4 
  •  5 
  •  6 
  •  Succ. 
  •  Fine 
  • »
Pagina 1 di 6

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione ed eventualmente anche di terze parti, per inviarti messaggi in linea con le tue preferenze. Utilizzando i nostri servizi, accetti l'uso dei cookies da parte nostra. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information